Questa News è Scaduta.
Pubblicato da:Eurodesk Italy
Ultimo aggiornamento:13-04-2017

Proteggere i minori migranti: la Commissione definisce le azioni prioritarie

Proteggere i minori migranti: la Commissione definisce le azioni prioritarie

Negli ultimi due anni sono arrivati nell'UE sempre più minori migranti, molti dei quali senza le rispettive famiglie. Anche se la normativa dell'UE e degli Stati membri fornisce un solido quadro di protezione, il recente aumento degli arrivi ha messo sotto pressione i sistemi nazionali e ha fatto emergere lacune e carenze. Per questo motivo la Commissione sta definendo azioni volte a rafforzare la protezione di tutti i minori migranti in ogni fase del processo. La protezione dei minori è una priorità centrale dell'agenda europea sulla migrazione e la Commissione continuerà a sostenere gli sforzi profusi dagli Stati membri offrendo formazione, orientamenti, supporto operativo e finanziamenti.

La Commissione propone una serie di settori prioritari su cui gli Stati membri devono concentrarsi, con il sostegno della Commissione e delle agenzie dell'UE:
- Rapida identificazione e protezione fin dal momento dell'arrivo: occorre che, fin dalle prime fasi della registrazione, sia presente un responsabile della protezione dei minori in tutte le strutture di accoglienza che ospitano minori, e che in ogni punto di crisi (hotspot) siano nominate persone incaricate della protezione dei minori.
- Condizioni di accoglienza adeguate per i minori: le esigenze di ogni minore devono essere valutate appena possibile al momento dell'arrivo e tutti i minori devono avere immediatamente accesso all'assistenza giuridica, all'assistenza sanitaria, al sostegno psicosociale e all'istruzione, a prescindere dal loro status. Per i minori non accompagnati va offerta la possibilità di ricorso all'affidamento o all'assistenza su base familiare.
- Determinazione rapida dello status e tutela efficace: occorre potenziare il ruolo dei tutori per i minori non accompagnati. A tale scopo la Commissione istituirà una rete europea per la tutela per lo scambio delle buone pratiche. Per aiutare gli Stati membri ad attuare procedure per una valutazione affidabile dell'età, l'EASO aggiornerà presto le sue linee guida. Bisogna inoltre impegnarsi in modo concertato per accelerare le procedure di ricerca delle famiglie e di ricongiungimento familiare all'interno o all'esterno dell'UE.
- Soluzioni sostenibili e misure di integrazione precoce: la Commissione promuoverà ulteriormente l'integrazione dei minori tramite finanziamenti e scambi di buone pratiche. Gli Stati membri sono invitati ad accelerare il reinsediamento dei minori bisognosi di protezione e ad assicurarsi che siano predisposte misure per la ricerca delle famiglie e la reintegrazione dei minori che devono essere rimpatriati.
- Affrontare le cause primarie e proteggere i minori lungo le rotte migratorie al di fuori dell'UE: l'UE ha intensificato il suo impegno con i paesi partner per integrare la protezione dei minori migranti nel quadro di partenariato in materia di migrazione. Sono necessari ulteriori sforzi per aiutare i paesi partner a potenziare i sistemi nazionali di protezione dei minori e a impedire la tratta di minori. Si dovrà eseguire al momento opportuno un follow-up degli Orientamenti dell'UE in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino recentemente rinnovati, anche nei paesi di origine e di transito.

 

Proteggere i minori migranti: la Commissione definisce le azioni prioritarie